INFO CONTATTI SALA STAMPA CREDITI LINK NEWS    
PROGRAMMA             .ENG  .FRA  .ESP   
SCRITTORE
   Álvaro Mutis
.Bibliografia 
.Stampa .Segnala
Biografia
Álvaro Mutis, nato a Bogotà, in Colombia, nell'agosto del 1923, è uno dei maestri della letteratura latinoamericana.
Trascorre le vacanze della sua giovinezza nella coltivazione di caffè e di canna da zucchero fondata dal nonno materno nella cordigliera centrale e, tutto quello che scriverà successivamente, è destinato a celebrare "questo angolo di terra calda che emana la stessa sostanza dei miei sogni, delle mie nostalgie, dei miei terrori e delle mie felicità. Non c'è nessuna delle mie opere che non sia riferita, in modo segreto o esplicito, a questo angolo della regione di Tolima, in Colombia".
La sua opera, ha ottenuto numerosi riconoscimenti quali: Premio Nazionale di Letteratura in Colombia, 1974; Premio Xavier Villaurrutia in Messico, 1988; Premio Medicis al miglior libro straniero in Francia, 1989 e recentemente, nel 2001 il prestigioso premio Cervantes, consegnatogli dal re di Spagna, Juan Carlos.
L'Italia, nel 1990, gli ha consegnato il Premio Internazionale Nonnino, nel 1992 il Premio dell'Istituto Italo-latinoamericano di Roma, nel 1997 il Grinzane - Cavour e nel 2000 il Premio Internazionale Trieste - Poesia.
Fra i suoi primi lavori, ricordiamo Diario di Lecumberri (1960), con cui firma il suo esordio narrativo, Summa di Maqroll il Gabbiere (1973) e La Masiòn de Araucaìma (1978), due importanti raccolte di poemi e racconti.
Fra il 1987 e il 1989, Álvaro Mutis, dedica alle vicende di Maqroll, viaggiatore di mare e di terra, personaggio a lui molto caro, tre romanzi: La Neve dell' Ammiraglio (1987), Ilona arriva con la pioggia (1988) e Un bel morir (1989).
Tra le opere più recenti: Amirbar (1990), Trittico di mare e di terra (1993), e l'ultimo libro Storie della disperanza, pubblicato anch'esso da Einaudi nel 2003.
 
Hanno scritto di lui:

"Uno dei più grandi scrittori della nostra epoca"
Gabriel Garcìa Màrquez
PARTECIPA ALLA SERATA DEL
.21 maggio
LETTO DA
.Alvaro Mutis
MUSICA DI
.Ennio Morricone
.Roma Sinfonietta