INFO CONTATTI SALA STAMPA CREDITI LINK NEWS    
PROGRAMMA             .ENG  .FRA  .ESP   
SCRITTORE
   Agota Kristof
.Bibliografia 
.Stampa .Segnala
Biografia
Agota Kristof, nata a Scicvàud in Ungheria nel 1935, abbandona clandestinamente il suo paese nel 1956.
Si rifugia a Neuchatel, nella Svizzera francese dove trova lavoro in una fabbrica di orologi : "era un lavoro del tutto alienante", racconterà al termine di quell'esperienza durata cinque anni.
Scrive fin da giovanissima, dapprima in ungherese, poi in francese, cominciando con testi per il teatro.
Nell'87, pubblica il suo primo romanzo Le grand Chaier, a cui seguono Le previe (1988), e le Troisième menzogne (1991), che confluiranno in traduzione italiana ne La trilogia della città di K (Einaudi 1998).
Questi tre brevi romanzi, che la rendono celebre in tutto il mondo, raccontano con stile scabro e impietoso, di scenari cupi e minacciosi dell'Europa dell'Est, sospesi tra la guerra e la pace : "non è stato facile riportare alla luce i ricordi spiacevoli del passato. Non riesco a rileggere i miei libri mi fanno troppo male, forse perché assomiglio troppo alla mia scrittura secca, negativa, senza speranza".
Dall'ultimo romanzo Hier, Ieri, (1995), è stato tratto il film di Silvio Soldini, Brucio nel vento (2001).
 
Hanno scritto di lei:

"Una prosa di perfetta, innaturale secchezza, una prosa che ha l'andatura di una marionetta omicida".
Giorgio Manganelli

"Favola nera dove tutto è reso veloce ed essenziale da una scrittura limpida e asciutta che non lascia spazio alle divagazioni".
Rosetta Loy

"E' questa radicalità la grandezza della Kristof, che guarda e spiega il mondo con gli occhi e le parole di un bambino, ma di un bambino cattivo".
Sandra Petrignani, "Panorama"
PARTECIPA ALLA SERATA DEL
.28 maggio
LETTO DA
.Sergio Rubini
MUSICA DI
.Andrea Pozza